Ottimizzazione Motori di Ricerca: cos’è la SEO?

cos'è la seo

Migliorare il Posizionamento Google e altri motori di ricerca, tramite la SEO (Search Engine Optimization, ottimizzazione sui motori di ricerca in italiano)

 

cos'è la seo

L’ottimizzazione SEO è quell’insieme di tecniche finalizzate ad aumentare la visibilità di un sito web, migliorandone il posizionamento tra i risultati organici (non a pagamento) di un motore di ricerca. Di seguito, ti riportiamo una guida SEO con tutti gli accorgimenti più utili a rendere un sito internet più “gradito” ai motori di ricerca e, in particolare, a Google, il più diffuso al mondo.

Che cos’è la SEO?

SEO è un acronimo inglese che sta per Search Engine Optimization e, tradotto, significa “ottimizzazione per i motori di ricerca”. Si tratta di pratiche ed accorgimenti tecnici che servono a migliorare l’indicizzazione e il posizionamento sui motori di ricerca.
Queste pratiche sono molteplici e riguardano diversi aspetti di un sito web: l’ottimizzazione della struttura del sito, del codice HTML, dei contenuti testuali, la gestione dei link in entrata (ovvero che da altri siti puntano verso il tuo sito, detti backlink cioè un link da qualunque sito web verso il nostro sito.

Perché la SEO è così importante?

Essere ben posizionati sulle pagine dei risultati dei motori di ricerca, soprattutto su Google, ci garantisce un traffico più o meno elevato di utenti, e il tutto senza costi di pubblicità.

La domanda cruciale però è: come si fa?

Forse adesso avrete capito più o meno cos’è la seo, ma come si fa davvero SEO e come fanno le persone a trovarci sul web?

Per fare in modo che le persone ci trovino sul web, è importante che i contenuti siano pertinenti alla ricerca e ben strutturati.
Se ho un negozio di scarpe, devo fare in modo che tutti i contenuti del sito web siano;

  1. attinenti a quello che le persone si aspetterebbero da un negozio di scarpe
  2. inseriti in un percorso logico, che mi faccia trovare facilmente quello che sto certcando.

Per esempio, il mio ecommerce potrebbe avere delle categorie principali (o pagine) strutturate più omeno in questo modo:

  • Scarpe per uomo
  • Scarpe per donna
  • Scarpe per bambino

Queste al loro interno avranno altre sottocategorie che possoano aiutare l’utente a trovare facilmente quello vuole. 

Mettiamo il caso che Marco stia cercando le NIKE REVOLUTION 5, probabilmente troverà il prodotto seguendo questo percorso. 

Scarpe per uomo > Scarpe Sportive > Marca Nike > REVOLUTION 5

Chi fa SEO deve trovare sempre il giusto equilibrio tra gli algoritmi della rete e i processi mentali delle persone!

Le keyword: le famose parole chiave.

Le parole chiave (dette anche “keyword”) sono quelle frasi (costituite da una o più parole) cercate dagli utenti che usano i motori di ricerca come Google, Bing o Yahoo per trovare quello che vogliono. Dietro questo concetto, si nasconde uno studio vero e proprio sulle parole chiave. Un bravo SEO specialist, infatti, si serve di determinati strumenti che lo aiutano a capire come le persone cercano qualcosa.
Facciamo finta che io abbia bisogno di un Consulente SEO: in questo momento le persone cosa scrivono su Google? Cercano di più con il termine “consulente seo”, col il termine “specialista seo”, “tecnico seo” o chissà in quale altro modo? Capire cosa digita sul web è fondamentale per ottenere risultati, e sicuramente questo richiede investimento di denaro in applicazioni apposite, dedicare tempo a studiare la concorrenza, elaborare i contenuti in base ai termini più ricercati. Non è possibile infatti, sperare di salire tra i primi risultati senza una logica, mettendo parole a caso e sperare che prima o poi vada tutto bene. Serve conoscenza!

Tecniche SEO

SEO On-Page

Dal punto di vista letterale, l’espressione SEO on page fa riferimento alla ottimizzazione di tutti gli elementi presenti all’interno di una pagina web per il posizionamento sui motori di ricerca. Si tratta dunque di una attività estesa e complessa, che riguarda una lunga serie di componenti come titoli, meta, URL, ma anche parametri dell’architettura, della leggibilità e dell’usabilità della pagina, fino ad arrivare al contenuto, alle keyword e ai link interni.
Al fine di ottenere un buon posizionamento su Google è consigliabile evitare keyword troppo generiche (con alto volume di ricerche ma anche molta concorrenza e, quindi, con poche possibilità di successo). È preferibile infatti, scegliere parole chiave specifiche, con meno volume di ricerche ma anche meno concorrenza e, quindi, con tasso di conversione maggiore.
Queste parole chiave, andranno utilizzate in modo strategico in alcuni elementi, quali ad esempio Tag Title, Meta Description, i tag Heading e nell’Alt Text delle immagini.

ottimizzazione seo wordpress

Il tag Title è un codice che specifica al motore di ricerca il titolo principale della pagina. Questo deve corrispondere alla parola chiave o frase principale su cui si sviluppa tutto il contenuto. Solitamente il Tag Title è composto da una frase, non troppo lunga, che attira l’attenzione dell’utente quando fa la ricerca sul motore di ricerca. Corrisponde infatti al titolo in evidenza che troviamo nei risultati del motore di ricerca.

La Meta Description, è quella breve descrizione che vediamo nei risultati del motore di ricerca. Deve essere breve ed accattivante e deve riuscire a contenere le parole chiave pertinenti all’argomento offerto sulla pagina di destinazione.

All’interno di una pagina, poi, è consigliabile utilizzare i tag Heading (titoli e sottotitoli, H1, H2, H3…), che contribuiscono a chiarire il contenuto della pagina stessa sia agli utenti che al motore di ricerca. Sono come dei sottotitoli, che seguono un ordine gerarchico H1 il titolo principale fio a scendere verso l’H3, H4 e così via. Un po’ come se fossero i vari capitoli di un libro.

Gli URL, ovvero quelli che comunemente chiamiamo link, come per esempio: https://www.francescoazzaro.it/posizionamento-google-cose-la-seo/
Come potete sicuramente notare, questo URL è molto chiaro e comprensibile e riporta i termini di ricerca correlati all’argomento di questo articolo. Google infatti mi penalizzerebbe se l’URL di questo articolo fosse per esempio così: https://www.francescoazzaro.it/?p=22575

dal momento che i browser non riescono ancora a comprendere il contenuto di un’immagine semplicemente “guardandola”, è inoltre importante aggiungere a esse l’Alt Text, cioè un testo alternativo all’immagine in grado di spiegarne il contenuto e che contenga preferibilmente una delle parole chiave scelte.

Ma dopo tutto questo parlare di parole chiave, queste ala fine dove vanno messe? La risposta è nel Meta Keyword della pagina. Quando parliamo di Meta keyword, Meta Description e Tag non stiamo facendo altro che parlare di struttura HTML della pagina stessa.
Esempio meta description e keyword:
<meta name=”description” content=”questo è un esempio di descrizione della pagine”>
  <meta name=”keywords” content=”cos’è la seo, ottimizzazione seo, tecniche seo”>
Esempio Tag Heading:
<h3> Questo è un esempio </h3>

Ottimizzazione dei contenuti di un sito web

Un altro aspetto decisivo per il buon posizionamento di un sito web è l’ottimizzazione dei contenuti. In linea generale, essi:

  • Devono essere unici e originali, cioè non copiati da altre parti.
  • Devono essere utili e interessanti.
  • Devono essere aggiornati ed è quindi consigliabile avere un Blog su ogni sito, poiché è facile da aggiornare e contiene argomenti di tendenza.
  • Devono contenere (in maniera naturale) le parole chiave.

SEO Off-Page

Al buon posizionamento di un sito contribuiscono anche strategie e pratiche esterne a esso: ci riferiamo ora, nello specifico, alla gestione dei link in entrata.

Google ritiene che le pagine web più linkate siano le più meritevoli e importanti. Questa convinzione, però, non si limita a un mero aspetto numerico: il motore di ricerca, infatti, prende in considerazione anche l’autorevolezza delle pagine di provenienza dei link. C’è di più: Google considera anche la spontaneità dei link.

Proprio da quest’ultimo aspetto nasce la distinzione tra link building e link earning: il primo concetto fa riferimento all’insieme di pratiche finalizzate a ottenere link anche in maniera non spontanea, come ad esempio il guest blogging e tecniche ancor più artificiose (e ormai sistematicamente penalizzate dal motore di ricerca) come lo scambio di link e lo spam.

Ottenere link alla propria pagina web in maniera naturale e, quindi, conforme alle regole di Google non è facile: il consiglio è quello di produrre contenuti di qualità, che vengano apprezzati dagli utenti e, di conseguenza, linkati.

Spero che questo articolo su cos’è la seo ti sia stato utile. Se hai bisogno di qualcuno che migliori il posizionamento del tuo sito, non esitare a contattarmi.